menu
Logo-IEIPrenota visita
menu
Logo-IEIPrenota visita

Diradamento capelli: cause e rimedi


28 Novembre, 2022

Di recente ti sei accorto di soffrire di diradamento dei capelli? Purtroppo è un fenomeno più frequente di quanto si creda, che tu sia uomo o donna: vediamo insieme quali sono le cause e i rimedi più utilizzati.

Innanzitutto, cosa si intende con diradamento dei capelli? È il fenomeno che provoca la perdita dei capelli, che avviene in modo graduale e progressivo: si intravede perciò il cuoio capelluto, con un disagio estetico notevole sia per l’uomo che per la donna.

Generalmente il diradamento dei capelli affligge maggiormente gli uomini, ma negli ultimi decenni anche le donne presentano questo inestetismo sempre più spesso.

La perdita di capelli non va sottovalutata, ed è meglio intervenire tempestivamente ai primi segni di diradamento, in modo da arginare il problema quando è nella fase ancora iniziale.

Va detto che il diradamento dei capelli non sempre è legato all’avanzare dell’età: accade sempre più di frequente che colpisca uomini o donne ancora giovani.

Soffrire da giovani di diradamento dei capelli, come puoi immaginare, crea ripercussioni negative alla psiche di chi ne soffre: per questa ragione è bene affidarsi tempestivamente ad un professionista del settore tricologico, esperto nel risolvere questo problema.

Ma vediamo ora quali sono le cause del diradamento dei capelli, sia per l’uomo che per la donna, e quali sono i rimedi più efficaci.

Cause

Innanzitutto sappi che questo fenomeno colpisce addirittura l’80% circa della popolazione maschile.

I termini corretti per indicare la perdita di capelli nell’uomo sono:

- Defluvio, ovvero la caduta di capelli anomala che può portare alla calvizie, o l’ipotrichia (carenza di peli e capelli)

- Effluvio, quando la perdita di capelli si manifesta in modo omogeneo su tutto il cuoio capelluto.

L’alopecia, altro temine molto famoso, individua invece la carenza o l’assenza totale di peli e/o capelli: di questa categoria fa parte la calvizie e l’ipotrichia.

L’alopecia può essere temporanea oppure definitiva.

Quali sono le cause del diradamento dei capelli nell’uomo?

Sono diverse, e cioè:

- Cause genetiche: è legata ai geni ereditati dai genitori o parenti stretti che soffrono di calvizie.

- Caduta stagionale: generalmente la perdita dei capelli avviene nei cambi di stagione, ad esempio durante l’autunno. In questo caso non è preoccupante ed è un fenomeno temporaneo

- Cause di tipo medico: a causa di anemia, problemi alla tiroide, un’alimentazione povera di ferro e proteine, o ancora come effetto collaterale legato all’assunzione di alcuni farmaci (chemioterapia, radiazioni, ecc.). In quest’ultimo caso la perdita di capelli è temporanea, che ricresceranno una volta sospesi i trattamenti medici.

- Stress, alcool e fumo: uno shock fisico ed emotivo improvviso o intenso, un intervento chirurgico o la perdita di peso repentina possono causare il diradamento dei capelli. Anche l’alcool può esserne la causa.

- Problemi al sistema immunitario: in questo caso la perdita di capelli viene chiamata alopecia areata, e può avvenire anche in giovane età. Si caratterizza per la comparsa di alcune macchie tondeggianti sul cuoio capelluto, dove i capelli si diradano. L’alopecia areata è causata dai linfociti, che a causa di problemi al sistema immunitario, impazziscono e attaccano i follicoli piliferi, distruggendoli progressivamente.

Nell’uomo il diradamento dei capelli avviene in modo progressivo e solitamente compare prima nella zona frontale e temporale, poi al vertice; nella donna invece, avviene più spesso in modo uniforme su tutto il cuoio capelluto.

Nelle donne, inoltre, la perdita di capelli solitamente avviene in età più avanzata rispetto all’uomo, e ha generalmente un’evoluzione più lenta. Il diradamento capelli nel sesso femminile spesso comincia con la comparsa di capelli sempre più crespi e sottili, e difficoltà nel pettinarli.

Quali sono le cause del diradamento dei capelli nella donna?

- Invecchiamento: quando si invecchia anche nelle donne la fragilità dei capelli aumenta, associata ad un tasso di crescita più basso, e a volte anche i follicoli piliferi si restringono

- Sbalzi ormonali: tipicamente avvengono a causa della gravidanza o della menopausa. In gravidanza e nel periodo post parto i livelli degli ormoni estrogeni e di progesterone aumentano, e questo rende i capelli più sottili e fragili. In menopausa, al contrario, si verifica un calo di estrogeni che può causare la caduta dei follicoli piliferi. Il volume e la densità dei capelli diminuisce, e si rompono più facilmente.

- Cause mediche: alcune cause frequenti possono essere la chemioterapia, l’anemia, disturbi alla tiroide, l’ovaio policistico, l’alopecia areata che è una malattia autoimmune.

- Cause legate allo stile di vita: fumo, stress, ansia, e un eccessivo consumo di alcool, come per l’uomo, possono incidere negativamente anche nella donna. A questa tipologia si possono aggiungere anche trattamenti ai capelli troppo aggressivi.

Rimedi

Quali sono i rimedi più efficaci per contrastare il diradamento dei capelli?

A parte alcune soluzioni meno invasive e inizialmente più frequenti, come l’utilizzo di fiale rinforzanti, le cure più decisive per arginare il problema del diradamento dei capelli sono la somministrazione di farmaci specifici, le iniezioni di sostanze biorivitalizzanti e l’auto trapianto di capelli.

La somministrazione di farmaci come Finasteride e Minoxidil sono una soluzione molto frequente nell’alopecia androgenetica maschile.

Il Finasteride agisce inibendo un’enzima responsabile della miniaturizzazione dei follicoli piliferi, mentre il Minoxidil stimola la crescita del capello, creando un’azione combinata di rinfoltimento e rafforzamento.

Gli effetti di questi farmaci si possono osservare dopo circa 3 mesi dall’inizio del trattamento.

Un’altra soluzione molto efficace è costituita dalle iniezioni di biorivitalizzanti. che sfruttano l’efficacia dei polinucleotidi PN.

Si tratta di macro molecole derivate dal DNA e hanno origine naturale; esplicano un’attività di tipo trofico, ovvero che stimola la crescita di nuove cellule, oltre che garantire la sopravvivenza dele stesse.

I polinucleotidi vengono sottoposto ad un processo di purificazione profondo, e sono privi di peptidi e proteine farmacologicamente attive. Sono disponibili in siringhe già precedentemente riempite di questa soluzione e pronte per essere infiltrate direttamente nel cuoio capelluto.

La soluzione definitiva al diradamento capelli è l’autotrapianto di capelli con la tecnica F.U.E (Follical Unit Extraction).

Questa tipologia di trapianto capelli è stata introdotta agli inizi degli anni 2000, viene eseguita con un micro bisturi dal chirurgo, ed è una tecnica molto sicura che non provoca danni ai follicoli circostanti.

Ti sono stati utili queste informazioni sul diradamento dei capelli, le loro cause e i rimedi che hai a disposizione? Ricordati che puoi contattare la nostra equipe per avere un consulto mirato.

Siamo a tua disposizione!

Contattaci per informazioni o per prenotare la tua prima visita gratuita

Potrebbero interessarti

Vedi tutti gli articoli
newsletter
Iscriviti alla
Newsletter

Scopri segreti di bellezza, tendenze e offerte esclusive.

    magnifiercrosschevron-down