Prenota visita
Prenota visita

Interventi di medicina estetica: quali sono?


18 Agosto, 2023

La medicina estetica è una branca della medicina che si occupa di migliorare l’aspetto fisico e la salute della pelle del paziente attraverso interventi minimamente invasivi o non invasivi. Questa disciplina è diventata sempre più popolare grazie alla sua capacità di migliorare l’aspetto della pelle e del corpo senza dover necessariamente ricorrere alla chirurgia.

Tra i diversi interventi di medicina estetica si distinguono il filler per labbra, zigomi e occhiaie, i trattamenti dermapen, il botulino, il rinofiller, il peeling, carbossiterapia e mesoterapia, bioristrutturazione e biostimolazione. Ognuno di questi interventi garantisce risultati ottimali in tempi ridotti, rappresentando un’alternativa ottimale alla chirurgia estetica.

Filler labbra, rughe, zigomi e occhiaie

Il filler per labbra, rughe, zigomi e occhiaie è un intervento di medicina estetica che prevede l’iniezione localizzata di acido ialuronico, uno zucchero di origine naturale che viene prodotto in maniera endogena dall’organismo. Lo scopo del trattamento è quello di idratare la zona di iniezione, stimolando la produzione di collagene ed elastina nelle aree più carenti.

Per quanto riguarda il filler per le labbra, le iniezioni di acido ialuronico permettono di volumizzare la zona, definendone i contorni e correggendo le rughe labiali che possono formarsi con il passare degli anni. Si tratta di un intervento minimamente invasivo, i cui effetti possono durare fino a 6 mesi.

Il filler è anche rivolto ai pazienti che desiderano modellare le forme e i volumi degli zigomi, evitando di ricorrere ad interventi chirurgici. Anche in questo caso, le sostanze iniettate sono a base di acido ialuronico e permettono di donare tono, luminosità e pienezza alla pelle, alzando gli zigomi e aumentando il loro volume.

Le iniezioni sottocutanee di acido ialuronico sono inoltre indicate per i soggetti che desiderano correggere rughe e lassità cutanee causate dall’invecchiamento. Il filler riduce gli inestetismi più profondi, ma anche i segni di espressione meno visibili, rendendo la pelle più elastica e tonica.

Infine, il filler per le occhiaie consente di attenuare i segni della stanchezza che si concentrano attorno alla zona degli occhi. Iniettare dell’acido ialuronico nell’area interessata permette di ridurre l’infossamento delle occhiaie e il colore scuro che le contraddistingue. Il risultato è uno sguardo più fresco, riposato e giovane.

Botulino e Dermapen 

Il botulino rientra tra i trattamenti di medicina estetica maggiormente richiesti ed eseguiti sui pazienti. Questo intervento si basa sull’iniezione di un principio attivo, la tossina botulinica di tipo A, a livello intramuscolare/sottocutaneo. Generalmente, i pazienti scelgono di sottoporsi a questo trattamento per attenuare i segni dell’invecchiamento del terzo superiore del volto, senza sottoporsi ad interventi chirurgici e modificare radicalmente i propri connotati.

Diversamente dal botox, il trattamento permanente con il Dermapen consente di biostimolare le cellule addette alla produzione di collagene sfruttando la tecnica del micro-needling. Questo dispositivo dotato di microaghi penetra nella parte superficiale del derma, stimolando la produzione di collagene ed elastina da parte dei fibroblasti.

A differenza del botulino, che viene prevalentemente suggerito per la correzione delle rughe più evidenti, il Dermapen permette di cancellare i piccoli segni del tempo, alleviare gli inestetismi ed intervenire sulle smagliature, riducendone la visibilità.

Carbossiterapia e mesoterapia 

La presenza di cellulite, adiposità, lassità cutanee e smagliature può compromettere notevolmente l’autostima dei soggetti che ne soffrono. La carbossiterapia è il trattamento di medicina estetica che sfrutta la somministrazione sottocutanea di anidride carbonica allo stato gassoso per stimolare il microcircolo e l’attività vasomotoria.

Le iniezioni di biossido di carbonio, naturalmente prodotto dall’organismo umano, accelerano e ottimizzano il metabolismo dei lipidi, aumentando la biodisponibilità di ossigeno e il livello di idratazione della cute.

La mesoterapia è invece più adatta per coloro che desiderano prevenire ed eliminare gli inestetismi causati dalla ritenzione idrica. Il trattamento prevede l’iniezione di sostanze farmacologiche formulate appositamente per drenare i liquidi in eccesso e gli scarti prodotti dall’organismo, così da poter agire efficacemente sulla cellulite, la ritenzione idrica e la flaccidità.

Questa procedura medica è anche indicata per alleviare il dolore che può interessare le articolazioni e i muscoli, poiché le sostanze iniettate riducono l’infiammazione della zona interessata.

Rinofiller

Sempre più persone scelgono di avvalersi del rinofiller per migliorare l’aspetto del profilo del naso. Inserendo dei filler volumizzanti nelle zone che mostrano maggiori irregolarità è possibile sollevare efficacemente la punta del naso e correggere eventuali “gobbe”.

Come per qualsiasi altra pratica di medicina estetica, il rinofiller prevede l’iniezione di sostanze che vengono riassorbite autonomamente dal corpo. Proprio per questo motivo, gli effetti del trattamento hanno una durata di 12-16 mesi.

Peeling

L’esfoliazione è uno dei migliori alleati contro la formazione di macchie ed inestetismi del viso di varia natura. Tramite l’applicazione di una sostanza chimica specifica, il peeling favorisce la rigenerazione del tessuto cellulare del viso e la pulizia profonda dello strato superficiale della pelle.

L’eliminazione delle cellule danneggiate dona un aspetto più levigato e radioso al volto, stimolando al contempo la produzione di collagene ed elastina, le proteine responsabili dell’elasticità e della tonicità della pelle.

Il peeling rappresenta la soluzione ottimale per coloro che desiderano contrastare lentiggini, melasmi e ipercromie, ma anche per chi soffre di specifiche condizioni dermatologiche come acne, cheratosi attinica e dermatite. In questi casi, l’esfoliazione stimola la generazione di nuovi tessuti cutanei, che sostituiscono quelli danneggiati donando alla pelle un aspetto sano e uniforme.

Bioristrutturazione e biostimolazione

Per bioristrutturazione si intende un intervento iniettivo di medicina estetica che impiega l’acido ialuronico, unito ai polinucleotidi, per migliorare la struttura e l’idratazione dei tessuti. In particolare, l’acido ialuronico fornisce un’adeguata idratazione alla pelle e agevola il ricambio cellulare, mentre i polinucleotidi intervengono nella sintesi delle catene di DNA e di RNA per facilitare il rinnovamento della matrice cellulare.

Si tratta di una tecnica prevalentemente indicata per i soggetti che soffrono di atrofia del derma e che quindi lamentano una pelle secca, rovinata e poco luminosa. Sottoponendosi ad un trattamento di bioristrutturazione, i pazienti notano una rigenerazione dermica più efficiente, determinata da un’idratazione e una ristrutturazione profonda dei tessuti della pelle.

Infine, la biostimolazione è l’opzione ideale per chi desidera combattere le rughe e la secchezza cutanea partendo dalla profondità del derma. Occorre infatti tenere presente che, nella maggior parte dei casi, una pelle eccessivamente disidratata è più soggetta alla formazione di fastidiose increspature.

Un apporto idrico insufficiente è la causa principale della riduzione delle fibre di collagene e della minore elasticità della pelle. La riattivazione dei processi biologici che promuovono il corretto rinnovamento cellulare permette di rigenerare il derma a partire dagli strati più profondi e, al contempo, esfoliare l’epidermide.

Siamo a tua disposizione!

Contattaci per informazioni o per prenotare la tua prima visita gratuita

Potrebbero interessarti

Vedi tutti gli articoli
Iscriviti alla
Newsletter

Scopri segreti di bellezza, tendenze e offerte esclusive.

    magnifiercrosschevron-down