Prenota visita
Prenota visita

Pelle secca e molto danneggiata: la scelta è la bioristrutturazione


10 Settembre, 2022

Il sole lascia segni sulla pelle, così come la vita all’aria aperta e il vento, ma anche gli sbalzi di temperatura, l’abitudine di non bere mai quanto serve, la disidratazione. Danneggiata, secca, svuotata nei volumi, con le piccole rughe messe ancor più in risalto dalla perdita di tono e dalla disidratazione, e grossi solchi messi in evidenza dall’abbronzatura, possono essere curati agendo in superficie con creme specifiche, meglio se cosmeceutiche, e nei piani più profondi del derma per ristrutturare, reidratare, recuperare lucentezza e ringiovanire, contemporaneamente.

E siccome la pelle non è fatta di sola acqua, con la bioristrutturazione all’acido ialuronico vengono aggiunti i polinucleotidi, sostanze che costituiscono le fibre del collagene e dell’elastina, naturalmente presenti nella nostra pelle. Nei casi di marcato invecchiamento cutaneo, la bioristrutturazione stimola la produzione dei fattori di crescita e ricambio della pelle, oltre a idratare il derma fin dai suoi strati più profondi grazie all’acido ialuronico, e con con i polinucleotidi a stimolare il motore delle cellule della pelle, il DNA, a ripristinare le basi che servono alla pelle per ripristinare i volumi.

Siamo a tua disposizione!

Contattaci per informazioni o per prenotare la tua prima visita gratuita

Potrebbero interessarti

Vedi tutti gli articoli
Iscriviti alla
Newsletter

Scopri segreti di bellezza, tendenze e offerte esclusive.

    magnifiercrosschevron-down