menu
Logo-IEIPrenota visita
menu
Logo-IEIPrenota visita

Squat: piccolo viaggio alla scoperta delle varianti più efficaci


28 Marzo, 2023

Lo squat è un esercizio per i glutei che nominiamo spesso. Da eseguire piegando le ginocchia esattamente come se ci si dovesse sedere su un piano che si trova subito dietro alle proprie spalle, prevede il fatto di tenere il bacino indietro e di portare le braccia all'altezza delle spalle. Una volta raggiunta questa posizione, bisogna risalire tendendo le ginocchia e portando le braccia lungo il corpo.

Con questo esercizio, si ottiene, a lungo andare, un effetto affine a quello che, come ben sa chi ci segue, si può apprezzare con la gluteoplastica mini invasiva, l'intervento di punto del nostro Dottor Valerio Badiali (assieme alla mastoplastica additiva).

Quello che forse solo le vere appassionate di fitness sanno è che lo squat può avere diverse varianti. Quali sono? Le più social avranno sicuramente sentito parlare, negli ultimi mesi, dei cosiddetti squat B-Stance. Diventati popolari su TikTok e indicati nei casi in cui si punta a lavorare in maniera particolarmente intensa sul gluteo, prevedono una partenza affine a quella dello squat classico, ma con una piccola differenza.

Un piede, infatti, deve essere leggermente più indietro rispetto all'altro. La punta del piede che si trova più indietro, deve essere in linea con il tallone di quello anteriore. Esercizio che permette di far lavorare sia i muscoli glutei, sia il quadricipite femorale, lo squat B-Stance ha il vantaggio di consentire una concentrazione maggiore sul carico piuttosto che sulla stabilità. Ovviamente è opportuno, durante l'allenamento, variare la gamba di supporto dopo diverse serie.

Proseguendo con l'elenco delle varianti più celebri ed efficaci degli squat, troviamo il sumo squat, che prende il nome dalla posizione dei lottatori di sumo giapponesi. Si parte con una posizione caratterizzata dai piedi distanziati e alla medesima distanza delle spalle. Le punte devono essere leggermente in fuori. Si appoggia il palmo della mano destra al dorso della sinistra e si esegue l'esercizio, piegandosi fino a quando le cosce non risultano parallele al pavimento.

Molto popolari sono anche gli squat bulgari. In questo caso, si parte dalla posizione eretta, con una sedia dietro la schiena. Si stende all'indietro la gamba sinistra e si sistema il piede sulla seduta. Mantenendo le spalle indietro e il petto in fuori, ci si piega fino a quando il ginocchio sinistro non arriva a toccare il suolo.

Dopo qualche secondo di pausa, puntando sul tallone destro bisogna ritornare alla posizione di partenza. Il risultato di questa variante dello squat? Oltre al miglioramento della forza muscolare, una svolta nella gestione dell'equilibrio fisico.

Siamo a tua disposizione!

Contattaci per informazioni o per prenotare la tua prima visita gratuita

Potrebbero interessarti

Vedi tutti gli articoli
newsletter
Iscriviti alla
Newsletter

Scopri segreti di bellezza, tendenze e offerte esclusive.

    magnifiercrosschevron-down